La Birra - origini

Con l'evoluzione delle prime civiltà umane che da nomadi hanno iniziato a divenire stanziali, i primi cereali sono diventati subito protagonisti della storia della birra. Dapprima sotto forma di farine, è stata poi scoperta la germinazione interrotta, e in seguito l'aggiunta di aromi. La comparsa della birra si ha in Mesopotamia circa 6500 anni fa, lo testimoniano degli scritti su argilla che parlano di una bevanda che "fa vedere chiaro" con la quale vengono anche celebrati dei riti sacri.

L'ufficializzazione dell'arte venne però con i Sumeri, i primi a prevedere la figura del mastro birraio. In questa civiltà si svilupparono diverse tipologie di birra che niente hanno da invidiare alla varietà dei giorni nostri. Interessante l'idea di sancire per legge che una parte della paga dei lavoratori fosse corrisposta in birra, dai due litri al giorno per gli operai ai cinque dei nobili. Come potessero tirare avanti fino a sera resta un mistero.

Presente in molte delle religioni moderne anche come bevanda sacra, viene usata anche come alimento ed integratore specie nelle culture egizia ed ebraica. 

Nella cultura romana la birra fece capolino grazie ai contatti con le popolazioni germaniche e celtiche, che della birra godevano già da tempo. Fu però il generale Agricola a tradire la precedente passione per il vino, importando nella sua villa a Roma tre mastri birrai del Gloucester, che in poco tempo gli permisero di aprire il primo locale di produzione e vendita al pubblico di birra.

Il merito degli aromi che gustiamo oggi va però ai monaci: intorno al IX secolo iniziarono a discostarsi dalla tradizione di inserire erbe e spezie nella birra, preferendo l'uso di ingredienti nuovi, tra i quali il luppolo. Da quel periodo pionieristico si deve aspettare il 1300 per avere una diffusione "su larga scala" del luppolo piuttosto che della mistura di erbe precedentemente usata. 

Ulteriore passo evolutivo si ha con la rivoluzione industriale, periodo natale per vere e proprie "fabbriche" di birra, in grado di cuocere ed imbottigliare quantità enormi della nostra bevanda preferita. L'industrializzazione ha il merito di aver permesso una larga diffusione del prodotto ad un prezzo relativamente contenuto, ma ha anche la colpa di aver uniformato spesso i gusti o trascurato le tipicità in favore di gusti più piatti e di facile comprensione. Per questo chi ama una buona birra deve anche ricordare che l'artigianato ha un ruolo onorevole nel riportare gusti particolari e antiche tradizioni, permettendo ogni tanto di bere qualcosa di fuori dal comune

Iscriviti alla newsletter del Vecchio Birraio per ricevere notizie ed offerte!
  • carote
  • donne
  • produzione di birra